Non amo troppo Hello Kitty, diciamo che questa dolce gattina non mi sta particolarmente simpatica, forse perchè quando ero piccola, tutte le mie compagne di classe avevano quaderni, matite, temperini e persino borse di Hello Kitty. Ovunque guardassi c’era lei e probabilmente mi era venuta la nausea. E, come se non bastasse, a me l’astuccio della gattina, venne regalato troppo tardi. Tardi per usarlo e sfoggiarlo. La scuola era praticamente finita.



Non che questo sia stato per me un grosso problema, ho avuto ben altro ma voglio pensare che il motivo per il quale ho deciso di ricoprire di feltro la gattina, sia questo.
Ebbene si, cambiamo faccia a questo paracolpi da lettino, che mi hanno ovviamente regalato e sfruttiamolo come base su cui affiggere, con ago e filo i nostri pezzetti di stoffa o feltro; io mi sto divertendo un mondo perchè mentre cucio, mi vengono le idee, per cui, al diavolo gli standard, ognuno liberi la propria fantasia e si diverta come mi sto divertendo io.


Munitevi di feltro, pannolenci, forbici, cutter, filo, aghi, magliette, etichette e bla bla bla.
Nella foto qui sopra vedrete anche un bel libriccino in stoffa già fatto da Ikea che ho sfruttato.
Spesso, anzi sempre, essendo bimbi e quindi crescendo di continuo, magliette, magliettine, e quant’altro, vengono inevitabilmente messe da parte, destinate ai fratellini a venire, ai cugini, alle missioni insomma, destinati a qualcuno o a una cassapanca. Ebbene, c’è sempre la maglietta a cui tu mamma sei affezionata o semplicemente che ti piace più delle altre; bene, falla tua, zic e zac e mettila in bella mostra sulla nostra coperta paracolpi, così, come se fosse un pezzo di stoffa da unire agli altri che hai già attaccato.

Sappiate che non è proprio una cosetta veloce da fare, inoltre il paracolpi non è proprio piccino e quindi vi consiglierei di cominciare a sfruttare una copertina o un vecchio piumino da culla.


Per ora il mio lavoro procede così, è un patchwork un po’indisciplinato perchè ho fatto le cose grossolanamente ma l’effetto che volevo si sta definendo e in fondo lo volevo proprio così, ricco di colori e stimoli per la mia bambina. Ho intenzione di attaccare anche tutte le etichette che stacco dai vestiti perchè Viola ha la passione per le etichette. Chissà perchè i bambini sono sempre attratti da cose che non hanno alcun senso apparente. La verità, probabilmente, è che noi grandi, abbiamo chiuso gli occhi verso le cose semplici.

Bene, augurandovi buon lavoro, io vi terrò aggiornate durante la lavorazione e spero di avervi fatto venire voglia di riciclare, riciclare e riciclare!

Forza e mandatemi il vostro lavoro! Sarò felice di pubblicarlo!
Ciao!


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr