Centrotavola e segnaposto

 

 

E C C O M I

con  la VIOLAIDEA di OGGI !

e mi raccomando, con questo sole coinvolgete i vostri bambini nella raccolta di foglie

(quelle dei cachi sono splendide da raccogliere!)

 

cosa ci serve?

  • ci servono le peonie (sarete espertissime oramai….. diversamente qui) e quindi tovaglioli, forbici e fili per annodare il centro; tenete anche conto che le peonie che andrete a mettere sul sottobicchiere dovranno essere abbastanza piccole affinchè possa rimanere lo spazio per scrivere il nome;
  • foglie, rami e quel che c’è
  • colla a caldo
  • sottobicchieri di legno grezzo (trovati 6 in un grande bazar a 1,50 euro)
  • pennarellino oro o seppia (o quel che volete)

 

Come si fa?

  • Preparate le peonie del colore che volete (tovaglia bianca? Qualsiasi colore va bene…. io dico rosse); tenete conto del centro tavola e di una per sotto bicchiere per farci il sgenaposto
  • dopo aver scelto se dipingere o meno le foglie con la vernice lucida ad acqua, dopo naturalmente averle lasciate riposare qualche gg nei libri,  (se non avete tempo e la cena è la stasera, le foglie staranno buone e diritte sulla vostra tovaglia per un po),
  • disponetele in codesto modo e incollatele al centro

 

 

 

  • poi incollate i vostri fiori (uno, due, tre, piccole, grandi…. quel che volete)

 

 

 

 

ora tocca ai sottobicchieri per farci il segnaposto

 

 

  • colla a caldo,  peonia e pennarellino per scrivere il nome et voilà

 

 

 

Se oggi siete particolarmente generosi al punto di volermi fare un pensiero per Natale ….

azzardo troppo se vi chiedo un like ?

Suvvia, non siate avari ….. hi hi

xxxxx

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

2 Comments

  1. Grazie mille è stato un premio stupendo. Il migliore che io abbia mai vinto. E poi consegnato di persona a casa dei miei. Ahah e mio papà che mi dice. . . È entrata una fotomodella con un pacco! Le peonie sono le mie preferite! Grazie ancora!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*