E’ già, l’ordine è importante e Luigi non fa che ripetermelo in continuazione.
E oggi ho dovuto cedere all’apparenza e mettermi al lavoro.
Il mio laboratorio creativo, che condivido con lo spazio ludico di mia figlia, era effettivamente un po’ caotico. Il problema è che le idee mi vengono così in fretta che non faccio a tempo a fare una cosa che già è un nuovo giorno. Irremidiabilmente i progetti si accavallano e le cose vanno sulle cose e ……
” Sta stanza è un casino quasi quanto te”….. dice lui.

E così, ho proceduto a rendere il mio spazio, “ordinato e organizzato”; ci ho guadagnato due cose: lui ha smesso di rompere le palle e io mi sono liberata di cose inutili.

Di seguito il “prima del mio laboratorio”

libreria: piena di cose e libri, roba su roba


quadretti, oltre a quelli che già sono appesi (in questo caso Luigi che gioca a tennis) da appendere


tavolo da lavoro: che orrore!


da sistemare il tappeto che ho acquistato da Ikea per Viola


E questo tappo cosa ci fa qui’?


Spesa fatta da ikea ancora da sistemare


Domani avrò finito e vi mostrerò il risultato.
Notte


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn