frida collage

 

Mia sofferente musa, colomba bianca, amica colorata non scontata, autentica e tenace, pittrice audace. Fiori in testa, colori, piante grasse, spezie, cocomeri, pennelli, fumo, alcol e magia.

Frida Kahlo seguo la tua scia….

 

Io e Frida Kalho

 

 

A 18 anni, il pullman su cui viaggiava verso casa ebbe un incidente che definirlo tale non è niente a confronto di quanto le toccò realmente subire.

 

magia-quotes-b1d10e7bafa4421218a51b1e1f1b0ba2-small-209

 

-Le conseguenze dell’incidente furono gravissime per Frida: la colonna vertebrale le si spezzò in tre punti nella regione lombare; si frantumò il collo del femore e le costole; la gamba sinistra riportò 11 fratture; il piede destro rimase slogato e schiacciato; la spalla sinistra restò lussata e l’osso pelvico spezzato in tre punti. Inoltre, un corrimano dell’autobus le entrò nel fianco e le uscì dalla vagina. Nel corso della sua vita dovette subire ben 32 operazioni chirurgiche. Dimessa dall’ospedale, fu costretta ad anni di riposo nel letto di casa, col busto ingessato-

 

E così, trascorse tanto tempo a letto, tra ingessature, operazioni e dolori  costanti, periodo in cui ebbe la forza di disegnare, di ritrarsi, di scrivere su quel diario che mai la abbandonò e riuscì, nonostante tutto, a trasmettere l’essenza della sua arte rappresentando la sua macabra esistenza.

 

“Dipingo me stessa perché passo molto tempo da sola e sono il soggetto che conosco meglio”.

 

Poi fu l’amore per Diego Rivera che per quanto Frida Kahlo definì un altro terribile incidente,  tracciò la sua strada sentimentale, culturale e artistica, facendo sobbalzare il mondo dell’ arte convenzionale manifestando su piccole tele il suo dramma.

 

 

Frida era più di una donna, aveva baffi, sopracciglia folte, coraggio da vendere e fiera dentro i suoi abiti tradizionali.

 

Le ultime parole che scrisse nel diario furono:

“Spero che l’uscita sia gioiosa e spero di non tornare mai più.”

 

E se Frida non avesse subito quell’incidente? Cosa avrebbe ritratto? Chi lo sa.

 

E così,  per quanto sia modesto il tentativo di ricordarla attraverso un semplicissimo oggetto,

vi presento l’orecchino dai colori Fr-ideali …

 

 

FridaK collection

 

 

Un caro saluto, a presto !

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr