Su su, non siate pigre, questo weekend dovete fare almeno un lavoretto Natalizio!

Già perchè non potete arrivare impreparate…. giusto?

Per oggi infatti, ho pensato alla prima cosa che si deve fare per dire a tutti che è Natale!
Una ghirlanda da mettere sulla porta.

Ci tengo inoltre a rassicurarvi nel dirvi che nel vostro magico laboratorio creativo, non serve spenderci chissà quanti soldi. Diciamo che spesso tante cose le abbiamo già in casa. Quante volte abbiamo cestinato dei pantaloni, una camicia, vestitini. Magari nn proprio cestinato ma messi da parte a fare la muffa. Prendiamoli e ritagliamo tanti bei pezzetti di stoffa e riponiamoli in una scatola. Probabilmente abbiamo tra le mani stoffe bellissime che potremo trasformare in fiori.
Bottoni ? Quanti ne avrete in giro?
Feltro? bhè certo, questo è difficile averlo in casa ma il costo non è eccessivo. Si spendono 2 euro per un metro circa di feltro colorato. Non è poco lo so, probabilmente lo si può trovare anche a meno.
Io, per cominciare, ne prenderei un paio di colori, tipici Natalizi; se poi vedete che vi piace allora alimenterete il vostro laboratorio.
Palline, corallini, sono ripetitiva lo so, ma ne avrete moltissime nel cassetto che non metterete mai e poi mai. Disfatele, verranno utili per altro.
Una pinzetta, puo’ servire quando dobbiamo deporre sulla colla a caldo dei corallini. Se usate le dita, vi scottate e oltretutto non finirà mai dove volete. Fidatevi, parlo per esperienza….
Una cucitrice buona da ufficio e anche la macchinetta per fare i buchi.
Le forbici? le forbici devono essere ottime; lavorare con una forbice del “benga” non ci aiuterà.
Nastri, carte da regalo messe da parte.
E per ultimo, ciò che effettivamente ha il suo costo è la colla a caldo; e quì non si deve fare troppas economia perchè è bene averne una buona. E’ come un phon, uno professionale non vi brucia i capelli.
Rispetto alla colla tradizionale, che serve avere comunque nel laboratorio per lavori con carta o altro, devo dire che la colla a caldo, in certi casi, ha la capacità di essere pratica come una mamma e altrettanto immediata. Sì perchè noi mamme non abbiamo tempo di aspettare l’asciugatura, giusto?
Un tavolo da battaglia su cui lavorare, un tappetino in plastica (in commercio ce ne sono molti, pero’ sono un bel po’ cari e per cominciare, lascerei perdere perchè non ho mai parlato nei miei lavori di cutter o taglierini, almeno non per ora) e una lampada che vi garantisca la luce anche la sera.
E la macchina da cucire?
Io non ce l’ho. Per ora ago e filo ma chissà,
confido che Babbo Natale si svegli….


Fatta questa premessa , oggi, come vi dicevo, ho preparato una bella ghirlanda; anche qui, io vi parlo dei miei materiali, ma non escludo che voi siate capacissime di usarne altri, probabilmente migliori dei miei…

Cosa ci serve?

scarti di pannolenci, di stoffa, di feltro
forbici, colla a caldo
pignette
nastro
cartone recuperato

Procedimento

prendiamo il cartone e disegniamo, con l’aiuto di un piatto, la sagoma rotonda e poi ne facciamo un altro con un piatto più piccolo; e ritagliamo; dovrà uscire una cosa del genere (il buco fate finta di non vederlo, non serve)


Se avete un nastro, userete quello, diversamente, io ho tagliato del pannolenci verde per lungo e ho usato quello per avvolgere tutto il mio cerchio.


lo gireremo intorno al cartoncino e lo blocchiamo con una bella pinzata di cucitrice


e poi procediamo con il coprire tutto il cartoncino; quando finisce il pannolenci (come è successo a me), fermatelo con un’altra pinzata e poi ritagliatene altro e ripetete quello scritto sopra ….. lo so, potevo anche risparmiarmi questa citazione ma non si sa mai.


quando avremo finito tutto il cerchio, il risultato sarebbe questo.


Avremo poi preparato le nostre foglioline e i nostri petali e le nostre pignette.


Avremo acceso la nostra colla e cominciamo a incollare le nostre foglie, poi diamo un tocco di colore con foglie verdi e mettiamo dei petali rossi quà e là


E poi mettiamo le pignette


alla fine, passiamo sopra e sotto un bel nastro et voilat, il gioco è fatto!


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr