Il pulcino

Di solito in questo periodo mio padre compra regolarmente dei pulcini ma quest’anno, vista l’esperienza dell’anno passato (una faina ha divorato tutto), sembra si rifiuti di volerli riacquistare. Mi dispiace molto, perchè Viola li avrebbe rincorsi e m’immagino quanto si sarebbe divertita con il cuginetto…. sigh….accidenti alle faine assassine! Comunque, se le cose stanno così, vorrà dire che Viola dovrà accontentarsi del mio pulcino birichino fatto con i tovaglioli…..

E’ già, perchè questo pulcino qui è fatto semplicemente con dei tovaglioli e della colla vinavil.

Cosa serve: servono i guanti (proprio x questo, ho fatto poche foto e se vi cimenterete capirete il perchè, comunque vi garantisco che sono pochi passaggi); acqua, una bacinella per contenere e amalgamare i tovaglioli gialli sminuzzati e mischiati con la vinavil. Un pezzettino di feltro arancio o quel che preferite (x il becco), un paio di corallini per gli occhietti e stop.

Come si fa: prendiamo i tovaglioli; li sminuzziamo bene bene; non ce ne vogliono tanti, 2 o 3 tovaglioli x un pulcino (il mio pulcino è grande un po’ più di un uovo); aggiungiamo un paio di cucchiai di vinavil e diamo una spruzzata di acqua (pochissima): usiamo le mani (con i guanti) e mischiamo ben bene; una volta che abbiamo creato una sorta di poltiglia consistente (che stia “insieme”), facciamo due palle, una più piccola per la testolina e una più grande per il busto. Prendiamo una pallina, mettiamo una goccia di colla sull’indice e picchiettiamo su tutta la palla. Il tovagliolo si solleverà creando l’effetto delle piumette. Lo posate e fate l’altro. Poi li incollate uno sopra l’altro. Li mettete ad asciugare. Ci vuole un bel po’. Una notte tutta; poi tagliate un pezzettino di feltro a triangolo e lo incollate alla testolina e incolliamo i due corallini che fungono da occhietti. E il gioco è fatto….. ARRIVA IL PULCINO !!!!!


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr

2 Comments

  1. dolce pulcino! ci voglio provare…poi ti dico come viene

  2. Divertitevi e magari fatelo all’aperto!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*