Oggi ho vestito di giallo la mia tavola per il pranzo,  giallo in onore delle donne e del sole che, presto o tardi, tornerà….

Non avendo una tovaglia stirata, mi è venuto in mente che l’altro giorno avevo acquistato un rotolo di carta da pacchi; l’ho tagliata e a fianco ad ogni piatto, ho scritto, direttamente sulla carta, il nome del commensale (indovinate chi?), con un bel pennarello marrone.

Poi ho preparato un centro tavola pieno di grandi peonie gialle,  ne ho preparate alcune più piccole da mettere sul tovagliolo, ho tolto una bottiglia di vino dalla riservatissima cantina vini di Luigi (troppo impegnativa per il pranzo modesto che ho preparato ma non ho saputo resistere quando ho visto che l’etichetta era molto gialla) ed ecco quà …

 

Cosa ve ne pare?

 

 

 

Come si realizzano le peonie di carta?

Di che vino parlavo con l’etichetta gialla?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

JUBILEE HUGEL

ALSACE Riesling “HUGEL” anno 2007

Buooonaaa!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’giallo il limone, gialla la banana, il sole e la luna.

Gialla la corona della regina e la luce della lampadina.

Quasi sempre son gialle le pere e la limonata da bere.

Giallo è il cuore della margheritina che è sbocciata sul prato stamattina ….

 

(filastrocca del colore giallo da “raccogli idee” Edizione Tresei Scuola)


 

 

 

 

 

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn