Pane non mancare: 1/52

Tulipani regalati

 

Buongiorno carissimi, se avete letto i miei buoni propositi, saprete che mi sono prefissata di risparmiare e di fare in casa quello che normalmente acquisto, ma non solo, vorrei renderVi partecipi di un mio nuovo progetto tutto rivolto all’autoproduzione di generi alimentari e riciclaggio.

Frequento giornalmente e con molta attenzione (e un po’ di sana e costruttiva invidia)  il blog di  Zelda Was a Writer, la quale mi ha dato l’ispirazione per rendere ancora più significativa e continuativa questa mia iniziativa un po’ ambiziosa.

Ma andiamo al progetto di Zelda la quale scrive:

Non volevo scattare tanto per scattare: volevo un tema che mi guidasse lungo le 52 settimane dell’anno. Ho pensato e ripensato e ho trovato il tema… continua a leggere

Cosa ne dite? Non pensate anche Voi come me che il progetto sia straordinariamente curioso e impegnativo? Del resto Camilla, (in arte Zelda was a writer), è una di quelle persone che fa le cose molto per bene e se questa, è la sua prima lezione di vita, non oso immaginare cosa si inventerà per le prossime cinquantuno settimane.

Ebbene, ma io cosa c’entro con tutto questo?

Io, come anticipato in premessa, vorrei inaugurare il mio tema, quello dell’ AUTOPRODURRE PER RISPARMIARE dimostrare a me stessa e a voi che mi seguite, che si possono evitare spese (contribuendo a salvaguardare la nostra amata e generosa TERRA), semplicemente producendo in casa quello che normalmente, con molta superficialità e leggerezza, si acquista al supermercato, a cominciare dal PANE che non deve mancare.

Già, perchè una volta, a differenza di oggi, se a tavola c’era il PANE era festa.

Oggi i bambini prediligono la pietanza al pane e forse, dovremmo cominciare noi mamme a proporlo e a preparalo insieme a loro.

Ma perchè anche voi non vi inventate qualcosa del genere?

52 film? 52 ricette? 52 posizioni? (parlo di yoga!!) 52 disegni? Avete 2 giorni e mezzo a partire da oggi per aggiornare i Vostri blog con iniziative originalissime! DAI! La prima settimana sta per sfumare via!

Ebbene, basta chiacchiere, io inauguro oggi il tema “Autoprodurre per risparmiare” che mi accompagnerà per le prossime 51 settimane e Voi fate ciò che preferite!

 

Ecco come fare del semplice Pane!

Gli ingredienti:

700 gr. di farina bianca o farina integrale o provare con la semola di grano duro.

1 cubetto di lievito di birra

10 gr. di sale  50 gr. di strutto 400 gr. di acqua tiepida

 

L’ho fatto con il Bimby !

Come si fa

  • Mettere nel boccale farina, sale e lievito per 20 secondi vel. 6.
  • Aggiungere a vel. 6  a filo lo strutto precedentemente sciolto (o se preferite l’olio) e l’acqua tiepida  per 40 secondi (metterli sul coperchio per fare in modo che scendano con dolcezza).
  • Lavorare poi a vel. Spiga per 2 minuti.
  • Metterlo in uno stampo da plum-cake e  lasciar riposare finché raddoppia il volume.
  • In forno. 220° per 10 minuti e altri 35 minuti a 200°.
  • E’ un pane che va bene per fare le bruschette.

 

Suggerimenti se preferite del pane morbido (a differenza mia), quando è cotto mettetelo per circa 15 minuti in un asciugamano umido.



pane non mancare 1:52

 

Inoltre, ecco la mia piccola e gradita ricetta creativa:

  • uova di quaglia in offerta (o uova normali piccole)
  • speck a fette sottili
  • stracchino
  • lattuga

 

Mettete sulla placca del forno la carta, tagliate delle fette di pane, mettete dello stracchino, una fetta di speck che disporrete a fiore per metterci un ovetto di quaglia (in questo modo non precipiterà) e mettete nel forno 10-12 minuti a 180-200 gradi.

 

Ecco qua:

 

phonto2

e se volete preparare delle piccole tartine per un aperitivo diverso, tagliate a cubetti il pane, metteteci sopra dello stracchino, affondate l’ovetto al centro e poi nel forno.

tartine con ovetto di quaglia

 

e Quando a casa tornerai, vienimi a trovar,
io ti posso offrire il pane (Camillas-La canzone del pane)

 

curiosità:

 

gioiellistranicollanaconluovodiquaglia

 

 

E se di fare il pane non ve ne frega un accidenti guardate un po’  che quagliata di gioiello ha fatto Stephanie Simek:  lacollana con l’uovo di quaglia.

 

In effetti hanno dei colori straordinari questi ovetti…. e brave le quaglie …. bisogna che studi il modo per creare un gioiello uguale ma naturalmente senza oro.

 

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr

4 Comments

  1. Ciao cara, se posso permettermi … metti meno lievito di birra. Io su un kilo e mezzo di farina metto 20 gr. di lievito e se non faccio attenzione, dopo 2 -3 ore di lievitazione mi straripa dalla teglia!
    E poi se vuoi davvero fare il salto di qualità, guardati le video ricette di vivalafocaccia.com con Vittorio e i suoi bimbi che fanno del pane spettacolare e non solo … Pensa che lui è un ingegnere italiano. figlio di panettieri genovesi che lavora a Silicon Valley e nel tempo libero si dedica all’arte bianca.

  2. La casa sulla scogliera

    10 gennaio 2013 at 19:46

    Cara, un progetto davvero molto interessante… Il pane, però, non è da me: le mie mani non vanno d’accordo con il cibo che… lievita. Siamo incompatibili!
    Però ti seguirò con attenzione, per vedere quali altre cose potremmo auto produrre per risparmiare e … non mori di fame!
    Baci a presto.
    Elli

    p.s.= il blog di Zelda è una meraviglia, ma, come al solito con quelli che non sono blogspot, non riesco a trovare i feeds per seguirla…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*