Sali da bagno alla lavanda

eccolo2

 

 

Devi fare un piccolo regalo a un’amica ?

Hai sicuramente un po’ di fiori di lavanda che hai messo da parte, giusto?

E allora perché non le prepari un barattolo con dei profumatissimi

SALI da BAGNO alla LAVANDA ?

Le serviranno per preparare corpo  e  spirito a una  calda notte …

 

 prima di pensare che non ce la puoi fare leggi quante poche cose ti devi procurare:

  • un vasetto da marmellata riciclato (vi invito a non comprare un vasetto nuovo, altrimenti non vale)
  • sale grosso da cucina buono (BIO è MEGLIO ma non necessario)
  • una manciata di fiori secchi di LAVANDA
  • olio essenziale alla LAVANDA (non necessario)
  • un calzino da bambino del colore che preferite (magari lilla come la lavanda?)
  • un nastro in tinta
  • io ci ho messo una spilla con il mio logo (fatto da Chiara di cui vi parlerò giovedì)

 

procediamo così:

  • prendiamo una vaschetta e versiamoci il sale, i fiori di lavanda e qualche goccia di olio essenziale;
  • con le dita andiamo a mischiare i sali al resto
  • lasciamoli risposare mentre prepariamo il nostro vasetto
  • prediamo il calzino, tagliamo il fondo e andiamo ad infilarlo nel vaso
  • versiamoci il sale aromatizzato
  • chiudiamo con un nastro
  • (il rasoio mi è servito per togliere i pelucchi dal calzino che non era nuovo …. ha ha perchè io riciclo tutto)

 

sali2phontocalzino
eccolo2

 

 

 

Suggerimenti:

  • se non hai una spilla usa un bottone e incollagli dietro una spilla;
  • se ti va, puoi pensare di prendere un cartoncino, magari il retro della scatola del sale e scriverci le proprietà della lavanda (che potrebbe essere anche il modo per mostrare il tipo di sale usato); ci fai un buco e fai passare il nastro che ti servirà per chiudere il vasetto.

 

 

Proprietà della lavanda

L’olio essenziale di Lavanda non dovrebbe mai mancare nell’armadietto dei rimedi.

Il linalolo è l’essenza responsabile delle principali proprietà terapeutiche della lavanda:

1.  Sedativa e riequilibrante del sistema nervoso centrale e vegetativo

si raccomanda in casi di nervosismo, nevrastenia, ipertensione, palpitazioni e, in generale, in tutti i casi di malattie psicosomatiche.

Il colore stesso della Lavanda è considerato il colore del silenzio, della calma e della tranquillità.

È il colore della contemplazione e della spiritualità.

Questa pianta è particolarmente indicata per i bambini iperattivi o che dormono male.

In questo caso, risulta molto efficace mettere alcune gocce d’ essenza di lavanda sul cuscino del letto o su un fazzoletto posto vicino al viso del bambino.

2. Digestiva

Esercita un’azione antispastica e carminativa (antiflatulenta) sul condotto digestivo, e inoltre ha un effetto aperitivo, facilitando la digestione.

Poiché l’essenza di lavanda possiede anche proprietà antisettiche, dà attimi risultati in caso di coliti (infiammazioni dell’intestino crasso).

3. Antireumatica e antinfiammatoria

Applicati esternamente, l’acqua, l’olio e l’essenza di lavanda sono molto efficaci per calmare i dolori reumatici, sia d’ origine articolare sia muscolare, come i dolori artrosici del collo o della schiena, l’artrite gottosa, il torcicollo, la lombaggine, la sciatica, ecc.Sono, inoltre, molto efficaci in caso di lussazioni, distorsioni, contusioni e stiramenti muscolari.

4. Antisettica e cicatrizzante

L’infuso di lavanda si utilizza per lavare ulcere e ferite infette, poiché le aiuta a rimarginarsi rapidamente.

L’olio di lavanda allevia il dolore nelle bruciature e disinfiamma le irritazioni dovute a punture d’ insetti e ragni.

5. Balsamica

L’essenza viene assunta per inalazione o vapori, per accelerare la cura di laringiti, tracheiti, bronchiti, catarro bronchiale e raffreddori.

curiosità 

  • Gli antichi Romani profumavano l’acqua del bagno con i suoi fiori ed è, infatti, dal latino “lavare” che deriva il suo nome.
  • Le dame cucivano sacchetti contenenti fiori di lavanda all’interno delle loro sottane ed è da quest’ usanza che ancor oggi si inseriscono sacchetti di lavanda tra la biancheria.
  • Durante il periodo Elisabettiano la Lavanda inizia il suo periodo di gloria nel campo della profumeria, a tutti è noto il più famoso profumo inglese “The Lavender”.
  • Arrivando al XX Secolo, bisogna ringraziare la Lavanda per aver dato spunto a René Maurice Gattefossé, il padre dell’Aromaterapia moderna, ad iniziare i suoi studi sugli oli essenziali. Nel suo libro Aromathérapie del 1937 Gattefossé narra come durante uno dei suoi esperimenti si ustionò gravemente una mano.
  • Sapendo che in medicina la lavanda veniva utilizzata per lenire le scottature e l’infiammazione, immerse immediatamente la mano in un recipiente contenente olio di lavanda che si trovava sul suo bando di lavoro. Rimase così sbalordito ed impressionato dai risultati che iniziò ad analizzare altre piante officinali e a studiarne le proprietà terapeutiche.
  • La lavanda è stata ed è l’elemento base per la preparazione dei pot-pourri per profumare la casa fin dal lontano 1700.
  • Nell’antichità la lavanda era usata non solo per il suo profumo e per l’igiene personale ma anche come disinfettante: nel Medioevo e fino al 1700 si cospargevano e si strofinavano i pavimenti utilizzando la lavanda come disinfettante.
  • La spiga è considerata un amuleto contro le disgrazie ed i demoni e si dice che sia anche un talismano per portare prosperità e fecondità.
  • La lavanda è l’essenza astrale del segno zodiacale dell’Ariete.

 

Per altre informazioni su questa meravigliosa pianta vai  qui

 

 

Non mi resta che dirvi che dopo un bagno con i miei sali alla lavanda la notte dormo

faccio un sogno

vedo un campo con tutta la lavanda

ci sono i pettirossi e vedo anche i merli

e io sto bene son forte come il sole ….. (Tricarico-la lavanda)

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr

1 Comment

  1. wowwwww, mi piace 🙂

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*