Si salvi chi può

Heilà??? Nessun idraulico è in grado di risolvere il problema?

Ho un calo di umore pazzesco, necessito urgentemente di una flebo di calore e luce.

Otto sembra un mocio vileda (quasi quasi prendo il bastone e…), Viola vuole uscire a tutti i costi e, influenzata dalla quella famiglia di porcelli deficienti (la Peppa’s Family),  si tuffa nelle pozzanghere, si lava e ride.

Lui, di Lui meglio non parlare che mi viene ancora più freddo… ha ha!

Comunque, voi come state ? Sapete niente dal pianeta cielo? Nessun aggiornamento?

Accetto solo notizie buone.

Mentre cercate, vi voglio mostrare il mio ultimo lavoretto floreale.

Questo sotto è un iris, e, sulla farsa riga di questo, ne ho composto un altro a cui però non so dare un nome.

 

iris

 

Voi lo riconoscete?

Mi è un po’difficile raccontarvi come realizzarlo, in questi casi comprendo che un video avrebbe fatto la differenza, ma per ora dovete accontentarvi delle fotografie.

Cosa serve:

tovaglioli di tre colori:nel caso dell’iris un bel viola, del lilla per le sfumature e un pizzico di giallo e verde è quel che ci vuole.

Per l’altro fiore sconosciuto, quello che vi mostro come realizzare, ho scelto il bordò, il rosa scuro, del giallo e anche del verde.

Per entrambi i casi ci vuole del filo con il ferretto dentro. Un filo verde.

Munitevi di una spugna umida per intingere le dita ogni volta che andate a stringere le estremità al filo e per stringere (dove occorre) le estremità superiori.

Vi posso dire che è molto più semplice di quello che sembra.

Inoltre, per creare il segnaposto, potete munirvi di semplici sassi levigati.

Io, come sapete, ne ho rubati diversi al mare; ne avevo scelti appositamente 6 della forma che vedete proprio per farne dei segnaposti.

Sasso. nome e fiore.

 

Come si fa?

Strappate pezzi di tovaglioli (colori diversi); strappatene a caso, senza dare troppa importanza a come vengono.

Prendete il filo, lo appoggiate a un piccolo pezzo di tovagliolo verde e andate ad abbracciarlo sul fondo (deve abbracciare il gambo, fate una rullatina sul fondo con le dita umide e vedete che si attacca).

Poi avanti così con pezzi più grandi. Il fiore finisce quando lo decidete voi. Nel caso del segnaposto non deve essere necessariamente un gigante, ma voleste fare altro, insomma fate vobis.

Quando vedete che il petalo non finisce troppo bene, non ha una bella punta, è troppo tonta, troppo lunga, rullate l’estremità superiore e nasconderete la magagna.

Il tovagliolo si lascia fare qualsiasi cosa, trattatelo con garbo, ma non troppo.

Insomma, dateci dentro senza paura, qualcosa di bello uscirà e se proprio nn ci riuscite, vi prometto un video. Ma fatemi sapere.

 

Iris2iris3iris4iris5iris7iris8

E se volessi portare la primavera nel tuo negozio e cercassi un modo diverso per indicare i prezzi ai tuoi prodotti, sul sasso potresti metterci il prezzo!

 

Madonna come piove 

sulla tua testa e l’aria si rinfresca, 

e pioverà fin quando la terra non sarà di nuovo piena 
e poi si rasserena! 
Piove! Senti come piove! Madonna come piove! Senti come viene giù! 

 Jovanotti -Piove

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

3 Comments

  1. Ehilà, ma come fai a essere giù quando sai fare fiorellini così belli!!!!
    Un abbbbraccio

  2. Certo che sì…sono un piccolo dettaglio che indica un grande talento…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*