IMG_5674

 

Ieri ho trasformato un sabato qualunque in un pomeriggio colmo di emozioni.

Il cielo terso sopra la Villa Reale di Monza, il congelamento del naso, le corse di Viola e la mostra fotografica di McQuerry, mi hanno rigenerata e anche molto stimolata.

 

IMG_5669

 

Fotografie, quelle dell’artista, che vanno assolutamente viste dal vivo, solo così si riuscirà ad avvertire tutta la magia di uno scatto atteso con estrema pazienza.

Pazienza che a quanto pare, a detta anche dello stesso artista, riveste un’importanza fondamentale affinchè la stessa immagine possa avere tutto il tempo di esprimersi al meglio.

Dunque attendere, attendere e accogliere l’istante che potrebbe, da un momento all’altro, cambiare radicalmente lo scenario.

 

IMG_5670

IMG_5694

IMG_5692

IMG_5677

IMG_5676

IMG_5684

IMG_5682

IMG_5683

IMG_5681

IMG_5695

 

Inoltre, anche l’allestimento di Peter Bottazzi è geniale, raffinato e puntuale; è come se avesse voluto ricreare lo stesso disordine che si aggira intorno ad uno scatto.

 

Scatti intrisi di vita quasi inimmaginabile, di rumore, di traffico, di paura, di sopportazione e di quella manciata di secondi di totale silenzio che precede un click.

Ed è proprio in questo silenzio, che anticipa la cattura dell’immagine, che si avverte il consueto ordine di un artista autentico.

Per questo motivo, a mia modestissima interpretazione, che le fotografie di McQuerry sono state collocate nel rigoroso  Palazzo di Villa Reale a Monza.

 

IMG_5685


Perché nella vita, a un certo punto, serve ristabilire un equilibrio mentale ….(ma non troppo).

Ebbene, mi auguro di avervi suscitato una buona dose di curiosità.

La mostra sarà aperta fino al 6 aprile 2015.

 

IMG_5703

 

“Ho imparato a essere paziente. Se aspetti abbastanza, le persone dimenticano la macchina fotografica e la loro anima comincia a librarsi verso di te” SMQ

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr