Buongiorno amici cari!

L’altro giorno abbiamo trascorso un pomeriggio splendido a casa di un caro amico che si è prodigato a cucinare delle prelibatezze solo per noi.

Il pranzo è durato circa 5 ore mentre la bottiglia di super magnum Belle Epoque 95 nemmeno un’ora …..

Oltre tutto ci hanno tenuto circa un’ora a farle le riverenze, ancora un po’ e gli attaccavano l’ossigeno!

E noi femmine, dovevamo stare a guardarli con quell’espressione da cerimonia semi seria, attente a non ridere per non ferire quel momento decisivo.

Misericordia!

Abbiamo temuto di non vedere mai l’inizio del pranzo…

 

E dunque, dicevo, inchini e riverenze per sua maestà la regina del pomeriggio:

 

 

Ancora un po’ e ci facevano pure dire un Rosario a quella lì!

” Heilà???? Noi vogliamo mangiare!”

Macchè, manco uno sguardo di compassione per noi femmine, sguardi languidi solo per quella francesina lì.

Ma quando andiamo a casa mi sente!

Intanto il mio stomaco non faceva che mandarmi segnali di disappunto imbarazzanti.

Zitto!  Gli dicevo, ma neanche lui mi ascoltava.

Fortuna i grissini.

Guarda lì che prelibatezze!

Ma come si fa a non fare i capricci!

 

 

 

 

Niente da fare, si deve aspettare e così si decide di prendere un po’ di sole.

 

 

 

 

Poco dopo l’abbronzatura rientriamo in casa trovando gli uomini accucciati ai piedi di codesta francesina.

Chi le teneva un fazzoletto sulla fronte e chi tentava di estrarle con tutta la delicatezza del caso quel tappo che le si era rotto a metà …..

Ve l’avevamo detto che era vecchia ! E con tutto il tempo che ci avete messo ad aprirla avete contribuito a invecchiarla di più!

Finalmente con la mia battuta mi sono guadagnata uno sguardo di Lui….. che però mi ha quasi fulminata.

 

Così, un altro quarto d’ora a cercare di ammazzare il tempo facendo le capriole sul tappeto.

 

 

E finalmente, sulle note di

Ci sono riusciti!!!

Ancora un po’ e si mettevano a piangere dall’emozione…. Mio Dio gli uomini.

Intanto a noi altre ci stava venendo la nausea per la fame ma potevamo anche svenire che non si sarebbero accorti!

 

 

In rigoroso silenzio, riempiono i bicchieri….

 

 

 

 

 

Devo dire che la signora è una giusta …. sa come far girare la testa agli uomini! (ma anche alle donne)

Un tripudio di profumi, sapori ed emozioni.

 

Ma ora tuffiamoci nell’antipasto di casa!

 

 

 

 

 

  • Gamberetti in salsa rosa su foglia di radicchio rosso di Verona (l’amaro del radicchio “fa scopa” con in gamberetti ma Leo preferisce usare i gamberi medi)
  •  Carpaccio di muscolo di cappasanta scottato in padella (fuoco altissimo con un filo di olio per alcuni secondi) condita con olio, pepe, succo di limone e una piccola grattata di scorza dello stesso, biologico e di sorrento
  • Tartare di tonno (olio, pepe, capperi di pantelleria grandi sminuzzati ed un goccio di aceto di cognac) su insalata valeriana
  • Spiedini di code di gambero con melanzane : prepara i gamberi a parte con aglio, olio e peperoncino x circa 5 minuti in pentola, poi frigge le melanzane a parte con pochissimo olio e in ultimo, dipende se melanzana è grande, ci avvolge la coda di gambero, altrimenti fa tipo spiedino vero e proprio (coda di gambero, melanzana, coda di gambero e melanzana. Servire tiepido passato in forno (anche in questo caso, la dolcezza del gambero con l’amarognolo della melanzana “fa scopa”!)

 

 

Ma non è finita quì!

Ora è la volta dei fusilli giganti con bottarga pan grattato e pinoli (+  prezzemolo, aglio e peperoncino)

 

 

 

 

 

 

Che dire, un pomeriggio da LEONI che non si scorderà più!

 

Uno sguardo all’ora e …. CAPPERO!!!!

 

 

 

 

Sarebbe ora di tornare a casa ma dopo una domenica così BESTIALE si deve riposare …..

 

 

 

 

 

 

 

Baciviola a tutti!

a presto xxxx

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn