Buongiorno!
Rieccomi qui, dopo qualche giorno di letargo all’insegna delle abbuffate e delle rassegne teatrali a cui ogni anno, chiunque e dovunque è costretto o convinto di vivere.
La più dissacrante è stata certamente quella intitolata “BUON MONTI a TUTTI”, nel senso che a Natale, è meglio farsi due slittate sui Monti che respirare l’aria della Grande Pianura Padana, oltretutto con il rischio di mangiare davvero troppo grana padano e di ingrassare.
L’altra commedia è stata “VOGLIAMOCI TANTO BENE, SIAMO COME FRATELLO SOLE E SORELLA LUNA”
una commedia tutta improntata sull’ipocrisia della gente; non del Natale, che in fondo aiuta, ma proprio di certa gente.

Mi auguro che l’anno nuovo porti una nuova rassegna teatrale intitolata” ARIA FRESCA”; è probabile che il biglietto costerà parecchi soldi ma ne varrà, comunque, la PENA.


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr